Presentato il fotovoltaico galleggiante di SMAT a Utilitalia Innovation

224
fotovltaico flottante
Credit: Depositphotos

Il fotovoltaico galleggiante di SMAT è stato presentato oggi a Bari nel corso dell’evento dedicato all’innovazione e alla trasformazione sostenibile nel comparto idrico, organizzato nell’ambito del progetto Utilitalia Innovation.

Con l’obiettivo di perseguire l’efficientamento energetico ed incrementare la produzione di energia da fonte rinnovabile SMAT ha sviluppato la progettazione e la realizzazione, ormai prossima, di campi fotovoltaici flottanti da installare sui bacini di lagunaggio nel Comune di La Loggia (TO).

La soluzione del fotovoltaico galleggiante produce tre benefici: evita il consumo di suolo, crea un’ombreggiatura sulla superficie del bacino che riduce in modo significativo l’irraggiamento solare, l’aumento della temperatura dell’acqua e, dunque, lo sviluppo di alghe e costituisce una fonte di energia rinnovabile che può essere auto consumata.

Sui bacini di lagunaggio, dai quali l’Azienda trae la provvista per il grande potabilizzatore di Torino che assicura la risorsa idrica a buona parte della Città ed integra la dotazione ad altri Comuni della cintura, è prevista la realizzazione di un impianto fotovoltaico galleggiante di potenza pari a 5,1 MWp.

L’impianto occuperà una superficie di uno dei bacini, pari a circa 6,3 ettari, sarà composto da 12.752 pannelli installati sopra isole composte da unità modulari galleggianti in Polietilene ad alta densità (HDPE) ancorate a terra per evitare spostamenti rispetto all’area utile individuata.

In virtù dell’esposizione a sud, dell’inclinazione e dei benefici effetti di raffrescamento della superficie inferiore dei pannelli dovuti alla presenza dell’acqua, si stima che l’impianto abbia una produzione di circa 7.130 MWh/anno.

SMAT sta valutando la possibilità di triplicare la potenza installata installando un ulteriore impianto da circa 10 MW sulla superficie del bacino adiacente.

“La resilienza del sistema e dell’azienda non può prescindere da criteri di rapidità, efficienza ed efficacia, obiettivi che possono essere raggiunti attraverso investimenti che tendano anche al raggiungimento di obiettivi di efficientamento energetico. Negli anni SMAT ha sviluppato una significativa esperienza nel settore dell’energia da fonte rinnovabile con la produzione in tre diversi ambiti: idroelettrico, da biometano, e attraverso l’installazione di campi fotovoltaici, sia fissi, sia ad inseguimento”, sottolinea il Presidente SMAT, Paolo Romano.