Global Market Outlook for solar power 2023 – 2027

265
Global Market Outlook for Solar Power
Credit: Solar Power Europe

Uscito il Global Market OutlookFor Solar Power 2023 – 2027 di Solar Power Europe

Il rapporto GMO 2023 presenta una prospettiva ancora più ottimistica rispetto alle proiezioni GMO 2022, che sono state pubblicate durante un periodo di incertezza molto maggiore, causata dall’inizio della guerra russa contro l’Ucraina, nonché dalle interruzioni della catena di approvvigionamento e dai prezzi elevati dei prodotti che interessano l’energia solare industria.

Analogamente al Global Market Outlook dell’anno precedente, il tasso di crescita previsto nel rapporto di quest’anno è maggiore rispetto alle proiezioni dell’edizione precedente. Per il 2023, prevediamo un tasso di implementazione superiore del 33% rispetto a quanto previsto nell’OGM 2022, riflettendo il miglioramento della situazione sulla disponibilità dei prodotti e sui prezzi del fotovoltaico.

La crisi energetica globale del 2022 ha anche notevolmente aumentato la consapevolezza dei responsabili politici sulla necessità di sviluppare capacità locali di generazione di energia rinnovabile, non solo per motivi climatici, ma anche per motivi di sicurezza energetica e volatilità dei prezzi; e il solare è stato molto in alto nelle classifiche grazie alla sua impareggiabile versatilità. La capacità operativa di energia solare ha raggiunto la scala TW nel 2022 e sembra che sia sulla buona strada per raggiungere un livello TW annuale entro il 2030.

Le nostre aspettative per il 2024 sono state ulteriormente incrementate del 42%, riflettendo la nostra crescente fiducia nell’offerta e domanda del settore. Inoltre, la nostra previsione di scenario medio per il 2025 di 432 GW è superiore del 47% e il numero del 2026 di 534 GW è addirittura superiore del 54% rispetto al rapporto GMO 2022.

In termini di capacità installata per il 2023, la previsione di questa edizione supera di 85 GW la proiezione di 256 GW dell’anno precedente, prevedendo ora un mercato di 341 GW. Guardando indietro di un’edizione, si prevedeva che il traguardo dei 300 GW sarebbe stato superato solo nel 2025. Ora crediamo che già nel 2024 sarà raggiunto il traguardo dei 400 GW di installazione annuale. Per mettere in prospettiva i numeri, solo sei anni fa, nel 2017, la capacità totale di generazione di energia solare globale installata era a questo livello.

Il crescente ottimismo è radicato nella nuova posizione del solare come attore chiave sulla mappa energetica geopolitica. La versatilità del solare si distingue da altre fonti di generazione di energia, consentendo il suo impiego in varie forme come centrali elettriche centralizzate su scala industriale, comprese varianti innovative come l’agri-FV e il solare galleggiante; tetti commerciali e residenziali distribuiti, nonché applicazioni in rapida evoluzione nell’ambiente edificato come sistemi integrati negli edifici, sistemi solari plug-in, parcheggi, nonché soluzioni off-grid e applicazioni di alimentazione mobile. Inoltre, se combinate con altre energie rinnovabili e stoccaggio, oggi le centrali solari ibride possono fornire energia 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e offrire servizi ausiliari nei mercati dell’energia. Se abbinata alle pompe di calore, l’energia solare consente anche l’elettrificazione e la decarbonizzazione del settore del riscaldamento e dei trasporti, conferendo allo stesso potere ai consumatori a livello locale, cosa che nessun’altra tecnologia di generazione di energia è in grado di fare.

Nonostante gli aumenti temporanei dei prezzi dei prodotti derivanti dal problema della catena di approvvigionamento durante la pandemia, il solare ha comunque superato i combustibili fossili e l’energia nucleare nei casi di investimento non sovvenzionato per tutto il 2022. Si prevede che questo vantaggio in termini di costi migliorerà nuovamente ora che i problemi relativi all’approvvigionamento dei prodotti e alla logistica sono stati ampiamente superati.

L’Agenzia internazionale dell’energia prevede che circa 380 miliardi di dollari saranno investiti nel solare nel 2023, lasciando per la prima volta gli investimenti nel petrolio (IEA (2023), World Energy Investment 2023).

Ogni crisi è unica e, sebbene la pandemia di COVID-19 abbia provocato battute d’arresto nella battaglia contro il cambiamento climatico, la recente crisi energetica ha prodotto l’esito opposto. I riflettori si sono in gran parte spostati verso le fonti di energia rinnovabile, e il solare come pilastro principale, per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili, la maggior parte dei quali è di proprietà di pochi paesi. Invece, l’energia solare è liberamente accessibile, e i mezzi per farlo possono essere anche prodotti localmente se una regione o un paese lo voglia davvero – e oltre al leader globale Cina, ora lo fanno anche gli Stati Uniti, come dimostra la storica legislazione dell’IRA, per esempio. Tuttavia, nonostante l’impressionante tasso di crescita di quasi il 50% dell’energia solare nel 2022, superando nuovamente tutte le altre tecnologie di generazione di energia, la sua quota nella produzione di energia globale è attualmente solo del 4,5%. Ha bisogno di approcci più ambiziosi in tutto il mondo per raccogliere il gigantesco potenziale del potere molto più velocemente mentre il tempo corre nella corsa per rispettare pienamente l’accordo di Parigi sul clima.