Masdar in Uzbekistan: accordo per lo sviluppo di oltre 2 GW di energia ad emissioni zero

142
energia pulita in Uzbekistan
Credit: Masdar

Accordo per lo sviluppo di oltre 2 GW di energia solare ed eolica e 500 MWh di accumulo di batterie in tutto l’Uzbekistan

Il progetto dimostra l’impegno di Masdar a sostenere le ambizioni globali di emissioni zero e l’obiettivo dell’Uzbekistan di soddisfare il 25% del proprio fabbisogno energetico da fonti rinnovabili entro il 2030. Abu Dhabi Future Energy Società PJSC – Masdar, una delle principali società mondiali di energia pulita, ha firmato un accordo di sviluppo congiunto (JDA) con il Ministero dell’Energia (MoE) dell’Uzbekistan e il Ministero degli investimenti, dell’industria e del commercio (MIIT) per sviluppare oltre 2 gigawatt di energia solare e progetti eolici e 500 megawattora di accumulo di energia della batteria in più siti in tutto il paese dell’Asia centrale.

Lo sviluppo rappresenta l’approfondimento delle relazioni tra la centrale energetica degli Emirati Arabi Uniti e l’Uzbekistan, che mira a raggiungere il 25 percento del suo mix energetico da fonti rinnovabili entro il 2030. La nazione dell’Asia centrale, ricca di vento e sole, è una destinazione strategica chiave per Masdar. L’Uzbekistan prevede di raggiungere 7 GW di capacità solare e 5 GW di capacità eolica entro la fine del decennio. 
SE Dr Sultan Al Jaber, Ministro dell’Industria e della Tecnologia Avanzata degli Emirati Arabi Uniti, Presidente di Masdar e Presidente designato della COP28 ha dichiarato; “Gli Emirati Arabi Uniti sono pienamente impegnati a sostenere i paesi nella decarbonizzazione. L’Uzbekistan è un partner strategico chiave e continuiamo a lavorare insieme per realizzare progetti di energia rinnovabile che alimentano case e aziende, riducendo al contempo in modo cruciale le emissioni. Il mondo ha bisogno di triplicare la capacità globale di energia rinnovabile entro il 2030 per raggiungere gli obiettivi fissati nell’accordo di Parigi. Mentre ci prepariamo a ospitare la COP28 negli Emirati Arabi Uniti, riteniamo che partnership ambiziose con paesi come l’Uzbekistan siano fondamentali per aiutare a raggiungere questo obiettivo”.

La JDA è stata firmata congiuntamente da Azim Akhmedkhadjaev, Primo Vice Ministro dell’Energia della Repubblica dell’Uzbekistan, Sarvar Khamidov, Vice Ministro degli Investimenti, dell’Industria e del Commercio della Repubblica dell’Uzbekistan, e Mohamed Jameel Al Ramahi, Amministratore Delegato di Masdar. La cerimonia della firma si è tenuta in Uzbekistan il 17 maggio 2023.

Mohamed Jameel Al Ramahi, CEO di Masdar, ha dichiarato: “Stiamo facendo la storia insieme in Uzbekistan. “Il nostro accordo per lo sviluppo di 2 GW di energia solare e l’espansione in 500 MWh di accumulo di batterie segna un nuovo entusiasmante capitolo nel viaggio condiviso di Masdar e dell’Uzbekistan. L’Uzbekistan è un partner chiave e Masdar è orgogliosa di sostenere i suoi ambiziosi obiettivi di energia rinnovabile”.

Masdar è attiva in Uzbekistan dal 2019, con il Nur Navoi Solar Project da 100 MW, che è il primo progetto solare di produzione di energia indipendente finanziato con successo dalla nazione. L’impianto è operativo dal 2021.

Il crescente portafoglio di Masdar in Uzbekistan comprende il più grande parco eolico dell’Asia centrale, l’impianto di Zarafshan da 500 MW. Il mese scorso, Masdar ha raggiunto la chiusura finanziaria di tre progetti solari a Jizzakh, Samarcanda e Sherabad, che hanno una capacità combinata di circa 900 megawatt, rendendolo il più grande programma di sviluppo solare dell’Asia centrale. Una volta pienamente operativi, i progetti genereranno elettricità sufficiente per alimentare oltre un milione di abitazioni, eliminando circa un milione di tonnellate di anidride carbonica all’anno.

Fondata nel 2006, Masdar è società energetica degli Emirati Arabi Uniti. È attiva in più di 40 paesi e ha investito in un portafoglio di progetti di energia rinnovabile con una capacità combinata di oltre 20 GW. Masdar si impegna a raggiungere almeno 100 GW di capacità totale di energia rinnovabile entro il 2030.