Sunna Group e Aneo: 1GW in Svezia

26
svezia fotovoltaico
Credit: Pixabay

Sunna Group stringe una partnership con Aneo, un player nelle energie rinnovabili, e si assicura un piano di capitale a lungo termine con l’obiettivo di costruire parchi solari in Svezia.

Sunna Group, società attiva nella produzione di energia solare su larga scala, stringe una partnership con Aneo, player nordico nelle energie rinnovabili, con l’obiettivo di realizzare parchi solari in Svezia. Con questa collaborazione, Sunna ha le condizioni per raggiungere l’obiettivo di 1 GW di produzione di energia solare entro il 2030

“L’ambizione di Sunna è quella di diventare uno dei maggiori attori nel settore dell’energia solare su larga scala in Svezia “, ​​afferma Marcus Qviberg, CEO di Sunna Group. “In collaborazione con Aneo, non solo otteniamo il capitale necessario per i progetti e le costruzioni, ma anche una grande esperienza dallo sviluppo di progetti principalmente nel settore eolico e idroelettrico, che contribuirà positivamente allo sviluppo del nostro business”.

“Se vogliamo avere successo con la transizione verde, dobbiamo essere abbastanza coraggiosi da investire in nuove energie. Qui e ora, non in futuro. Per Aneo, è un primo passo naturale nei paesi nordici allearsi con giocatori svedesi come il Sunna Group. Condividono la nostra ambizione che qualcosa debba essere fatto rapidamente e hanno una squadra molto forte che ha fatto molta strada in poco tempo”. afferma Ståle Gjersvold, CEO Aneo. 

Attualmente, Sunna ha otto progetti di parchi solari in corso con una potenza combinata di poco più di 250 MW. Il primo parco dovrebbe entrare in funzione nel 2023. Si stima che un parco solare produca elettricità per almeno 30-35 anni e richiede una manutenzione minima, il che significa che l’area sia all’interno che intorno al parco può essere un buon terreno fertile per piante, insetti e animali selvatici. 

“I parchi solari hanno una vita di almeno 30 anni e, oltre a produrre elettricità verde, attraverso i parchi solari possiamo allo stesso tempo garantire la diversità biologica”, continua Marcus. “Ora siamo alla ricerca di terreni che non possono essere utilizzati, ad esempio, per l’agricoltura, ma che, d’altra parte, possono diventare un investimento a lungo termine per l’energia sostenibile. “

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui