Bahrain: il primo produttore di moduli fotovoltaici apre la strada alle rinnovabili

153
bahrain fotovoltaico

Il Bahrain, un minuscolo stato insulare di meno di 2 milioni di persone al largo della penisola arabica, è famoso grazie alle sue ricche riserve di petrolio e gas.

Il petrolio fornisce circa il 70% delle entrate statali, ma si prevede che le riserve del Bahrain si esauriranno entro il prossimo decennio. Questo – e la spinta globale alla transizione – implica la necessità per il regno di diversificare la sua economia e il suo mix energetico.

Questa è una buona notizia per Solar One, la prima azienda di pannelli solari del Bahrain.

Dalla sua fondazione nel 2017, la startup si vanta di aver contribuito con oltre due megawatt di energia solare al mix energetico del paese, abbastanza per alimentare circa 380 case negli Stati Uniti. È una goccia nell’oceano, ma si spera che segni l’inizio di un cambiamento epocale.

“Le energie rinnovabili sono uno dei settori chiave in crescita nella regione”, afferma Husain Mohamed Rajab, CEO di Tamkeen, un’agenzia governativa che sostiene le piccole imprese e ha investito in Solar One. “Il GCC (Consiglio di cooperazione del Golfo) è una delle regioni più ricche di energia a livello globale e ciò suscita molto interesse da parte dei governi per sostenere la crescita e lo sviluppo di qualsiasi attività nel settore”.

Solar One ha la capacità di produrre 60.000 pannelli solari all’anno. Li vende a clienti privati, come scuole, case o fabbriche.

In questo modo, l’azienda contribuisce con l’energia solare al mix energetico nazionale, afferma Faisal Khalifeh, fondatore e amministratore delegato di Solar One.
Ma è solo un piccolo passo. Le energie rinnovabili, come l’eolico e il solare, rappresentano una frazione minima nel mix energetico del Paese, dove domina ancora il gas. Il Bahrain ha fissato un obiettivo nazionale, per le energie rinnovabili: 5% della fornitura di energia del paese entro il 2025 e il 10% entro il 2035.

Questi obiettivi fanno parte di una visione più ampia per diversificare l’economia, che è stata pesantemente colpita nell’ultimo decennio.

L’anno scorso, il paese ha annunciato un piano di ripresa da 30 miliardi di dollari, che include la costruzione di cinque nuove città e isole artificiali per attirare i turisti, la costruzione di una zona commerciale degli Stati Uniti e la costruzione di un ponte stradale e ferroviario che collega il Bahrain all’Arabia Saudita, la più grande economia della regione.
Ha anche introdotto un programma di “residenziale” per attrarre i migliori talenti e portare 2,5 miliardi di dollari in investimenti privati ​​entro il 2023. La speranza è che nuovi talenti e investimenti possano favorire l’imprenditorialità e guidare la crescita.

“Siamo il primo produttore (di pannelli solari), dice Khalifeh, “ma non saremo gli ultimi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui