Boom delle gigafactory europee: l’annuncio di un altro impianto

365
gigafactory
Di Smnt - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=85278008

L’elenco degli impianti di produzione di celle per batterie, su scala gigawatt in Europa, è cresciuto.

Il produttore di batterie anglo-coreano Eurocell, ha annunciato i piani per una gigafactory nell’Europa occidentale, con l’obiettivo di lanciare la produzione su larga scala entro 12 mesi.

Negli ultimi mesi, l’Europa si è configurata come un punto caldo dell’attività di produzione di batterie con una marea di annunci di gigafactory provenienti sia da operatori storici che di nuovi arrivati ​​sul mercato. Con la chiara strategia delineata di ridurre la dipendenza dalle importazioni di batterie asiatiche, l’Europa ospiterà, secondo le ultime previsioni, circa 35 gigafabbriche entro il 2035.

L’ultimo annuncio è arrivato dal produttore anglo-coreano Eurocell, ha dichiarato che costruirà la sua prima gigafactory europea.

L’aspetto straordinario del piano di Eurocell è che promette di iniziare la produzione su larga scala entro soli 12 mesi, grazie alle “tecnologie collaudate e pronte per la produzione” dell’azienda.

Con un investimento iniziale di 600 milioni di sterline (716 milioni di euro) pianificato in due fasi, Eurocell intende fornire le industrie europee di stoccaggio dell’energia. Nella prima fase inizierà a produrre celle per batterie su larga scala entro l’inizio del prossimo anno per i clienti esistenti, ha annunciato Eurocell. Parallelamente, entro il 2025, nello stesso sito verrà costruita una struttura in grado di produrre oltre 40 milioni di celle all’anno.

Eurocell afferma che sta esaminando potenziali siti per la sua base di produzione europea e farà la scelta finale in base al sostegno e agli investimenti dei governi. “Stiamo attivamente cercando una base di produzione europea e stiamo discutendo con i rappresentanti di alcuni siti nel Regno Unito, nei Paesi Bassi e in Spagna”, ha affermato il CEO dell’azienda per l’Europa, il Medio Oriente e l’Africa, Recardo Bruins. “Con il giusto livello di coinvolgimento centrale e supporto, desideriamo trarre vantaggio dal mercato europeo in rapida crescita il più rapidamente possibile”.

In cambio il paese ospitante beneficerà “della creazione di centinaia di posti di lavoro diretti e indiretti, trasferendo competenze vitali dagli esperti coreani di batterie e rilanciando l’economia in un settore strategico cruciale per raggiungere Le ambizioni nette zero dell’Europa”.

Eurocell non è sola

Eurocell non è affatto sola nella sua ambizione di assicurarsi una fetta del mercato europeo delle batterie. Secondo i dati del fondo dell’UE per progetti di interesse comune (IPCEI), che mira a promuovere investimenti critici, inclusa la produzione di batterie in Europa, è in programma un massiccio sviluppo ed una importante espansione della capacità di produzione di accumulo di energia.

Il volume di produzione annuale di celle agli ioni di litio negli Stati membri dell’UE – più Norvegia e Serbia – è di circa 35 GWh nel 2020, circa il 15% del totale globale. Si prevede che tale cifra salirà a 600-870 GWh, il 43% del mercato mondiale stimato, entro la fine del decennio.

Vantaggi per i first movers

Le società che guidano la carica in Europa sono Tesla, Northvolt e LG Chem, secondo la società di consulenza scozzese Delta-EE, che ha stimato forniranno il 27% della capacità di produzione di ioni di litio del blocco europeo, entro il 2030. In termini di dove il verranno costruite fabbriche, la Germania è la scelta principale finora, con Francia e Italia che dovrebbero diventare il secondo e il terzo mercato più grande entro il 2030 in termini di capacità produttiva annuale, superando l’Ungheria, che è attualmente il secondo stato produttore di batterie in Europa.

Mentre si spera che l’enorme domanda di celle agli ioni di litio nell’industria automobilistica nei prossimi anni sarà soddisfatta attraverso l’espansione e lo sviluppo pianificato della capacità di produzione, la fornitura di batterie dipenderà anche da una sufficiente disponibilità di semiconduttori e materie prime. I primi deficit evidenti sono emersi per il nichel l’anno scorso e si prevedono carenze fino al 50% in cobalto, rame, litio e grafite per il prossimo anno e il 2024. Di conseguenza, l’analisi di BloombergNEF, recentemente pubblicata, Battery Price Survey 2021, prevede un aumento dei prezzi delle celle, dopo decenni di calo dei prezzi.

Il fondo IPCEI dell’Unione ha affermato, nella sua analisi di mercato trimestrale: “per contrastare la minaccia di carenza di materie prime, si sta sviluppando la capacità di riciclo, si sta valutando l’utilizzo di giacimenti di materie prime alternative e si stanno conducendo ricerche su nuove sostanze chimiche cellulari che utilizzano meno, o nessuna, materia prima critica”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui