Nuovi record per l’energia solare: insieme all’eolico, abbassa i prezzi dei mercati europei

395
record fotovoltaico aprile

Nella prima settimana di aprile, l’energia fotovoltaica ha battuto nuovi record nel mercato spagnolo, francese e italiano. L’energia solare, insieme a quella eolica, hanno contribuito ad abbassare i prezzi nella maggior parte dei mercati elettrici europei.

In molti di essi sono stati registrati valori negativi o i più bassi degli ultimi mesi. Il prezzo del gas è sceso, favorendo anche il calo dei prezzi del mercato elettrico. I futures sull’elettricità spagnola per il prossimo trimestre hanno registrato un aumento di oltre il 30%.

Produzione di energia fotovoltaica, solare termica e eolica

La settimana del 4 aprile si è conclusa con un aumento generale della produzione di energia solare rispetto alla settimana precedente. Nel caso della Spagna, il record di produzione oraria di energia fotovoltaica è stato battuto il 7 aprile alle 14:00 con 11.313 MWh. Allo stesso modo, il 10 aprile è stata registrata nel mercato francese la produzione più alta della storia, di 8788 MWh alle 13:00, mentre il mercato italiano ha raggiunto la produzione più alta con questa tecnologia da luglio 2014, con 12.310 MWh alle 12:00 di lo stesso giorno.

Per l’intera settimana l’incremento della produzione nel mercato italiano è stato del 48% e nel mercato francese del 24%, rispetto alla settimana precedente. Nel mercato tedesco l’incremento della produzione di energia solare è stato dell’11%, mentre nella Penisola Iberica, dove comprende il fotovoltaico e il solare termico, è stato del 7,0%.

Per la settimana iniziata l’11 aprile, le previsioni di produzione di energia solare di AleaSoft Energy Forecasting indicano una riduzione della produzione del mercato spagnolo e italiano, mentre è previsto un aumento della produzione della Germania.

Fonte: preparato da AleaSoft Energy Forecasting utilizzando i dati di ENTSO-E, RTE, REN, REE e TERNA.
Source: Prepared by AleaSoft Energy Forecasting using data from ENTSO-E, RTE, REN, REE and TERNA.

Allo stesso modo, nella prima settimana di aprile, la produzione di energia eolica è aumentata nella maggior parte dei mercati analizzati da AleaSoft Energy Forecasting rispetto alla settimana precedente. L’aumento maggiore è stato registrato in Germania ed è stato del 119%. Anche nel mercato francese è cresciuto notevolmente, del 41%. Nel caso della Penisola Iberica l’incremento è stato del 4,8%, mentre nel mercato italiano la produzione con questa tecnologia è diminuita del 3,0%.

Per la seconda settimana di aprile, le previsioni di AleaSoft Energy Forecasting indicano una riduzione generale della produzione con questa tecnologia.

Source: Prepared by AleaSoft Energy Forecasting using data from ENTSO-E, RTE, REN, REE and TERNA.

Domanda di energia

La settimana del 4 aprile si è conclusa con un aumento della domanda di energia elettrica tra l’1,5% e il 4,2% rispetto alla settimana precedente nei mercati di Francia, Germania, Spagna e Portogallo. Nei mercati di Italia, Belgio, Olanda e Gran Bretagna, invece, la domanda è diminuita, con quest’ultima che ha registrato il calo maggiore, del 7,7%.

Per la settimana dell’11 aprile, le previsioni di AleaSoft Energy Forecasting indicano una riduzione della domanda in tutti i mercati analizzati da AleaSoft Energy Forecasting in corrispondenza del calo della manodopera nel periodo pasquale, oltre a temperature meno rigide.

Source: Prepared by AleaSoft Energy Forecasting using data from ENTSO-E, RTE, REN, REE, TERNA, National Grid and ELIA.

Mercati energetici europei

Nella settimana del 4 aprile, i prezzi di quasi tutti i mercati elettrici europei analizzati da AleaSoft Energy Forecasting sono diminuiti rispetto alla settimana precedente. L’eccezione è stata il mercato EPEX SPOT della Francia, con un aumento del prezzo del 2,1%. Il calo maggiore dei prezzi è stato invece quello del mercato tedesco, del 51%. Al contrario, il calo minore è stato quello del mercato IPEX italiano, del 3,7%. Nel resto dei mercati, le diminuzioni dei prezzi sono state comprese tra il 6,7% del mercato MIBEL di Spagna e Portogallo e il 37% del mercato Nord Pool dei paesi nordici.

Nella prima settimana di aprile i prezzi medi sono stati inferiori a 295 €/MWh in tutti i mercati elettrici analizzati, anche se nella quasi totalità dei casi hanno superato i 160 €/MWh. Fanno eccezione il mercato tedesco e il mercato Nord Pool con medie settimanali rispettivamente di 101,31,31 €/MWh e 103,93 €/MWh. La media più alta è stata invece quella del mercato francese, che ha raggiunto un valore di 294,47 euro/MWh, seguito da quella del mercato italiano, di 267,09 euro/MWh. Nel resto dei mercati, i prezzi erano compresi tra 164,17 €/MWh del mercato belga e 234,16 €/MWh del mercato N2EX del Regno Unito.

Per quanto riguarda i prezzi orari, il 4 aprile, dalle 8:00 alle 9:00, in Francia è stato raggiunto un prezzo di 2987,78,78 €/MWh, il più alto da ottobre 2009. Tale prezzo è stato favorito dalle basse temperature e dal fatto che un parte significativa dei reattori nucleari francesi non erano in funzione.

Sabato 9 aprile, invece, nel pomeriggio sono stati raggiunti prezzi orari negativi nei mercati di Germania, Belgio e Olanda. Nel caso del mercato belga c’è stata anche un’ora con prezzo negativo giovedì 7 aprile.

Negli altri mercati non si sono registrati prezzi orari negativi, ma i valori più bassi degli ultimi mesi sono stati raggiunti domenica 10 aprile nel pomeriggio. In Italia il prezzo minimo di 22,42 €/MWh è stato il più basso da maggio 2021. In Spagna e Portogallo è stato raggiunto un prezzo minimo orario di 1,03 €/MWh, il più basso da agosto 2021. Nel mercato francese e in mercato del Nord Pool, sono stati registrati i prezzi più bassi da febbraio 2022.

Nella settimana del 4 aprile, l’aumento della produzione di energia eolica e solare nella maggior parte dei mercati ha favorito il calo dei prezzi dei mercati elettrici europei. Inoltre, nonostante i prezzi del gas rimangano elevati, durante la settimana analizzata hanno registrato un calo che ha contribuito anche ad abbassare i prezzi dei mercati dell’energia elettrica.

La previsione dei prezzi di AleaSoft Energy Forecasting indica che nella settimana dell’11 aprile i prezzi potrebbero diminuire nei mercati di Francia, Spagna, Italia e Portogallo, mentre un calo significativo della produzione di energia eolica favorirebbe l’aumento dei prezzi nel mercato tedesco.

Source: Prepared by AleaSoft Energy Forecasting using data from OMIE, EPEX SPOT, Nord Pool and GME.

Futures dell’elettricità

La prima settimana di aprile si è conclusa con un calo dei prezzi dei futures sull’elettricità per il terzo trimestre dell’anno nella maggior parte dei mercati. Le eccezioni sono la regione nordica e la regione iberica. Sia nel mercato ICE che nel mercato NASDAQ dei paesi nordici si sono registrati incrementi del 10%. Tuttavia, il mercato EEX in Spagna e il mercato OMIP in Spagna e Portogallo hanno guidato gli aumenti di prezzo per questo prodotto. Hanno registrato incrementi superiori al 30%. In particolare, nel mercato EEX della Spagna, il prezzo di regolamento è aumentato di 51,25 €/MWh tra le sessioni dell’1 e 8 aprile, essendo il mercato con il maggior aumento di prezzo in questo periodo. Nel resto dei mercati, i prezzi sono scesi tra il 3% e il 6% tra queste sessioni.

Dal canto loro, i prezzi dei futures sull’elettricità per il prossimo anno 2023 hanno registrato un aumento generale in tutti i mercati analizzati da AleaSoft Energy Forecasting. Gli aumenti vanno dal 2,5% del mercato EEX della Spagna al 9,5% del mercato EEX del Regno Unito.

Brent, carburanti e CO2

I futures sul petrolio Brent per il primo mese sul mercato ICE durante la prima settimana di aprile hanno registrato prezzi di regolamento inferiori a quelli degli stessi giorni della settimana precedente. Il prezzo massimo di liquidazione della settimana, di 107,53 dollari al barile, è stato raggiunto lunedì 4 aprile ed è stato del 4,4% inferiore a quello del lunedì precedente. Mentre giovedì 7 aprile è stato registrato il prezzo minimo di liquidazione settimanale, di 100,58 $/bbl, inferiore del 6,8% rispetto a quello del giovedì precedente.

Le preoccupazioni per la domanda a causa dell’aumento dei casi di coronavirus e i confinamenti in Cina hanno favorito la tendenza al ribasso dei prezzi dei future sul petrolio Brent nella prima settimana di aprile. Inoltre, al calo dei prezzi ha contribuito anche l’annuncio delle quantità di petrolio da svincolare dalle riserve strategiche dei paesi membri dell’Agenzia Internazionale dell’Energia con l’obiettivo di ridurre le tensioni causate dall’invasione russa dell’Ucraina nel mercato .

Per quanto riguarda i futures sul gas TTF nel mercato ICE del primo mese, nella prima settimana di aprile hanno mantenuto un trend ribassista. Lunedì 4 aprile hanno registrato un prezzo di regolamento di 109,52 euro/MWh, superiore del 6,8% rispetto a quello del lunedì precedente, ma già inferiore del 2,3% rispetto a quello dell’ultima seduta della settimana precedente. In conseguenza dei decrementi registrati nel corso della settimana, venerdì 8 aprile il prezzo di regolamento è stato pari a 103,88 €/MWh. Questo prezzo è stato del 7,4% inferiore a quello del venerdì precedente.

Per quanto riguarda i futures sui diritti di emissione di CO2 nel mercato EEX per il contratto di riferimento di dicembre 2022, i prezzi di regolamento hanno avuto valori intorno a 78,75 €/t nella prima settimana di aprile. L’incertezza sugli effetti della guerra in Ucraina sull’economia e sulla domanda ha mantenuto i prezzi di questi futures su valori simili a quelli delle settimane precedenti. Mercoledì 6 aprile è stato registrato il prezzo minimo settimanale di regolamento, pari a 77,18 €/t, inferiore dell’1,4% rispetto a quello del mercoledì precedente. Ma negli ultimi giorni della settimana i prezzi si sono ripresi e venerdì 8 aprile è stato raggiunto il prezzo massimo settimanale di liquidazione, di 80,09 €/t. Tale prezzo era del 2,0% superiore a quello del venerdì precedente, ma di 1,61 €/t inferiore al prezzo massimo di liquidazione della settimana precedente, corrispondente a martedì 29 marzo.

Source: Prepared by AleaSoft Energy Forecasting using data from ICE and EEX.

Tratto liberamente da AleaSoft Energy Forecasting.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui