I primi 10 fornitori di inverter per fotovoltaico rappresentano l’82% della quota di mercato

472
classifica inverter
Credit: Wood Mackenzie

Huawei (1°) e Sungrow (2°) mantengono la leadership; GoodWe salta al numero 5.

I primi 10 fornitori mondiali di inverter solari fotovoltaici (FV) hanno raggiunto l’82% della quota di mercato nel 2021, aumentando di 2 punti percentuali rispetto al 2020, afferma Wood Mackenzie, un’azienda di Verisk (Nasdaq:VRSK).

Le spedizioni globali di inverter fotovoltaici sono cresciute del 22% o 40.250 MWac (mega-watt, corrente alternata) a 225.386 MWac nel 2021 rispetto al 2020. Ciò è dovuto principalmente alla forte crescita dei mercati in Europa, India e America Latina, dove il sostegno del governo è aumentato per soddisfare obiettivi di decarbonizzazione.

L’analista di ricerca di Wood Mackenzie, Annie Rabi Bernard, ha dichiarato: “Nonostante l’aumento dei prezzi delle materie prime, le sfide della catena di approvvigionamento e i ritardi nelle costruzioni, le spedizioni globali di inverter per il fotovoltaico continuano ad aumentare. I leader nelle forniture sono diventati più grandi e i top player continuano a consolidare la quota di mercato nel 2021″.

Per il settimo anno consecutivo, Huawei e Sungrow continuano a guidare il gruppo occupando rispettivamente la prima e la seconda posizione. La quota di mercato di Huawei è rimasta stabile al 23% nel 2021, mentre Sungrow si è classificata al secondo posto portando la sua quota al 21% rispetto a circa il 19% del 2020. Il terzo classificato Growatt rappresenta il 7% della quota di mercato, sostituendo SMA che è scivolata al sesto posto. Insieme, i primi tre fornitori controllano oltre la metà del mercato mondiale degli inverter solari fotovoltaici.

GoodWe è balzato di quattro posizioni al quinto posto nel 2021 a causa delle grandi spedizioni nella regione dell’Asia del Pacifico, in particolare in Cina e Corea del Sud. La società ha anche ottenuto la più grande crescita nelle spedizioni di quasi cinque volte tra il 2019 e il 2021 pre-covid.

Ad entrare per la prima volta nella top 10 è SolarEdge, sostenuta da Israele, che si è assicurata il nono posto nel 2021, aggiungendo circa 1.000 MWac, dal 2020 con focus sul mercato europeo.

In termini di copertura geografica, l’Asia Pacifico ha consumato oltre la metà o 116.064 MWac delle spedizioni globali di inverter solari fotovoltaici nel 2021. Le spedizioni in Cina, India e Australia hanno rappresentato l’aumento della domanda, con Huawei e Sungrow che hanno mantenuto il proprio dominio nella regione.

L’Europa ha conquistato il 23% del mercato globale con una spedizione di inverter da 50.770 MWac. Il mercato ha aumentato la sua capacità di spedizione di inverter di oltre 17.000 MWac nel 2021 dal 2020, con un’impressionante crescita del 52% anno su anno. La crescita della domanda in Germania, Italia e Paesi Bassi e l’ambizioso obiettivo della Polonia di 7.300 MWac di solare fotovoltaico entro il 2030 hanno contribuito all’aumento significativo.

Gli Stati Uniti, tuttavia, hanno registrato una riduzione minore di 360 MWac nelle spedizioni di inverter nel 2021 dal 2020 e rappresentavano il 14% della quota di mercato globale. I vincoli della catena di approvvigionamento, i costi delle materie prime record e l’aumento dei costi per gli sviluppatori hanno contribuito al leggero calo anno su anno. Power Electronics, con sede in Spagna, continua a detenere la più grande quota di mercato nel paese. L’azienda è al settimo posto della classifica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui